Come scegliere la giacca per il trekking - AttrezzaturaTrekking.it
I Am Montanaro
Scritto da Alberto

Come scegliere la giacca per il trekking

Il mercato oggi offre un’enorme quantità di opzioni disponibili. Questo, rende difficile scegliere la giacca da trekking e, altrettanto difficile capire quale possa essere il prodotto giusto per noi.

Ci sono molte tipologie di giacche da trekking, ognuna pensata per uno scopo diverso dall’altra. Vediamo quali sono le differenze tra loro.

Per scegliere la giacca da trekking giusta, bisogna quindi comprendere fin dall’inizio le diverse tipologie esistenti in commercio.

Giacche Hardshell

Hardshell

Chiamata anche “guscio”, è una giacca per il trekking traspirante e impermeabile, in grado di riparare da vento e pioggia.

Sono giacche molto resistenti che offrono riparo dagli agenti atmosferici più estremi, ma non sono isolati. Per rimanere al caldo è necessario indossare un pile o un maglione sotto il guscio, in modo da trattenere il calore e non far passare acqua e vento.

Giacca Softshell

Scegliere la giacca da trekking softshell

Questo tipo di giacca da trekking integra uno strato isolante con uno resistente all’acqua. L’obiettivo è quello di avere in un singolo pezzo sia la capacità isolante, per rimanere al caldo, che l’impermeabilità.

Il compromesso è una maggiore traspirabilità ma una minore protezione da pioggia, vento e freddo.

I Soft Shell sono ideali per le attività ad alto sforzo, in cui il sudore è la preoccupazione maggiore.

Giacca 3 in 1

Scegliere la giacca da trekking 3 in 1

Vengono chiamate 3 in 1, anche se a volte, gli strati possono essere anche maggiori. Si tratta di giacche dalla versatilità unica in quanto, in breve tempo, possono trasformarsi adattandosi alle varie stagioni. Strati più pesanti lasciano spazio a quelli più leggeri. Il guscio esterno può quindi essere integrato da un piumino sintentico o da un pile, diventando così una giacca ottima per l’inverno. In alternativa si può usare soltanto il guscio in giornate di pioggia o nelle mezze stagioni. Non è raro che possano anche staccarsi le maniche dello strato interno, per usarlo come gilet. Una giacca quindi, che si adatta praticamente ad un utilizzo per tutto l’anno.

Questa giacca è costituita da 3 strati: uno strato esterno che corrisponde all’hard shell, il guscio che protegge da vento e pioggia, e uno strato interno di pile o materiale isolante. I due strati possono essere uniti fra loro tramite una comoda cerniera, oppure essere indossati singolarmente, a seconda della necessità. In questo modo si possono avere diverse configurazioni in un prodotto solo.

Giacca Antivento

Scegliere la giacca da trekking antivento

Giacca studiata appositamente per resistere al vento. Non offre protezione dalla pioggia, ma garantisce una buona traspirabilità e una maggiore leggerezza, risulta quindi facile e comoda da trasportare, spesso si richiude in una tasca diventando grande quanto un pugno.

Giacca Antipioggia

Scegliere la giacca da trekking antipioggia

Molto simile alla giacca antivento, questo prodotto offre anche una resistenza alla pioggia. Anch’essa solitamente si ripiega nella tasca, ma ha dimensioni e peso maggiori rispetto a una giacca antivento e offre poca traspirabilità.

In questo articolo abbiamo raccolto i 10 migliori Softshell da trekking.

Condividi:


Alberto
Alberto

Ho un diploma in Informatica e una laurea in Teologia. Di mestiere sono uno Web Developer, nel tempo libero mi dedico alla montagna e alla scrittura. instagram | Blog


Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *