Inverno in montagna, come affrontarlo - AttrezzaturaTrekking.it

Inverno in montagna, come affrontarlo

Vivere in montagna è meraviglioso, ne siamo fermamente convinti, anche se in inverno è un po’ più difficile, rischioso e complicato.

Ma non per questo ci dobbiamo abbattere, basta qualche accortezza in più per poter assaporare la gioia di aprire la finestra la mattina e ritrovarsi circondati da un soffice manto bianco.

Svegliarsi nella neve non ha prezzo.

Se su questo non ci sono dubbi, veniamo anche alla parte pratica. A cosa dobbiamo fare attenzione se vogliamo trascorrere l’inverno in montagna? Vediamolo insieme.

inverno in montagna

Preparare la pala

La prima ed essenziale cosa da fare è procurarsi e tenere pronta all’uso una pala per spalare la neve. Ad elevate altitudini la neve scende e può rimanere per parecchio tempo: aspettare che si sciolga da sola è utopistico…

Inoltre la notte, le temperature spesso scendono sotto zero, il che fa congelare la neve, rendendola molto difficile da spalare.

Quindi tieni pronta una bella pala e inizia a spalare mentre la neve sta ancora scendendo, così potrai fare il lavoro un po’ alla volta, al ritmo della neve. Praticamente senza trovarti la mattina di fronte ad un muro di un metro e mezzo da rimuovere.

Non esagerare, spala il minimo indispensabile per poterti muovere tranquillamente e spostare la tua auto, il resto può rimanere fino a primavera.

Guarda in alto

Va bene spalare la neve da terra, ma non dimenticare ciò che hai sopra la testa. Anche i tetti devono essere spalati se la neve scende copiosa. Inoltre, fai occhio agli alberi: se troppa neve si posa su qualche ramo secco potrebbe caderti addosso oppure cadere sopra qualcosa e fare danni, oltre a spezzare il ramo.

Se sai che dovrà nevicare, dai un’occhiata a pali, grondaie, rami e tutto ciò che ti circonda per accertarti che niente possa crollare e causare inconvenienti.


Controlla la tua stufa

Cosa c’è di meglio di scaldarsi davanti ad un bel fuoco vivo mentre fuori l’atmosfera si fa ghiacciata?

Ma occhio alle stufe. Prima dell’inverno occorre controllare che siano in sicurezza stufa e canna fumaria. È in assoluto l’elemento più importante per un montanaro in inverno. Quindi, assicurati che sia ben messa e che non ti causi problemi. La userai tutti i giorni per tutto il giorno, sarà meglio che funzioni a dovere!

Occhio alle tubature

Se hai delle tubature di acqua corrente assicurati che possano resistere a fredde temperature. Se l’acqua dovesse congelare all’interno dei tubi, sarebbero guai grossi. Chiedi aiuto ad un idraulico esperto per farti dare suggerimenti e consigli su come affrontare i climi più freddi senza problemi.

Controlla il gas

Se hai il gas metano della rete cittadina non dovresti avere problemi. Se invece utilizzi una bombola, allora assicurati di avere un gas che resista a basse temperature. Generalmente in montagna si usa il gas propano, che può funzionare fino a -30° sotto lo zero. Se invece hai una bombola a gas butano, allora fai occhio: sotto gli 0 gradi potrebbe non funzionare correttamente.

Mantieni la temperatura

Cerca di non far raffreddare troppo la casa. Rimanere sempre sopra i 16 gradi, anche durante la notte, ti consente di scaldare più in fretta al mattino e mantenere sano l’ambiente. Non dimenticare però di arieggiare almeno un paio di volte al giorno gli ambienti per almeno 10 minuti.

Di giorno scalda fino a tuo gradimento e di notte metti a bruciare un bel pezzo di legna. Durerà tutta la notte e manterrà la temperatura, senza alzarla ma senza farla abbassare troppo.

Fai scorta di legna… magari non così tanta!

Fai scorta di batterie

In montagna i servizi non hanno la stessa affidabilità della città. La corrente può saltare e possono volerci giorni perché venga ripristinata se le strade sono difficilmente percorribili causa neve e maltempo. In questi casi, avere una buona scorta di batterie stilo per illuminare gli ambienti di sera è sicuramente una scelta efficace.

Fai una bella spesa

Prima di affrontare l’inverno fai una bella spesa acquistando prodotti a lunga conservazione come risotti e cibi in scatola. Acquista anche delle bottiglie d’acqua per emergenza. Se avessi problemi, è sempre bene avere 10/20 litri d’acqua potabile a portata di mano, per ogni uso.

Occhio agli animali

Se d’estate ci può capitare di incrociare cerbiatti e cinghiali davanti casa, d’inverno è più probabile avere a che fare con i topi.

Anche loro amano il caldo e il cibo, perciò tieni gli occhi aperti. Non lasciare cibo in giro e fai attenzione all’igiene. Avere ospiti indesiderati che gironzolano liberi per casa non è piacevole…

Conclusione

Abbiamo visto qualche rapido consiglio per affrontare al meglio un inverno in montagna. Se stai per intraprendere questa avventura non farti scoraggiare. Certo bisogna avere qualche accortezza, ma la magia della montagna in inverno ripaga abbondantemente ogni sforzo.

E tu? Hai mai trascorso un inverno in montagna? Hai qualche altro consiglio da dare? Faccelo sapere nei commenti.

Condividi sui social:




Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *