Camminare con il ciclo: info e consigli - AttrezzaturaTrekking.it
I Am Montanaro
Scritto da Serena

Camminare con il ciclo: info e consigli

La maggior parte delle donne tendono spesso ad interrompere un’attività fisica durante il ciclo. Difatti, nel periodo premestruale si presentano una serie di sintomi, nonché manifestazioni dolorose, le quali potrebbero impedire di fare sport in modo adagiato e in maniera serena. Mentre, nel periodo post mestruale la fase diventa più ottimale e regolare così da poter tranquillamente riprendere qualsiasi tipologia di attività sportiva e fisica, tra cui, camminare. Ecco perché possono essere utili alcuni consigli per camminare nei giorni del ciclo.

La cosa importante, perciò, è abituare il corpo a sforzi e dargli una dritta via verso l’attività che si può sempre fare, e soprattutto dona benefici alle mestruazioni. Per cui, camminare con il ciclo fa più che bene e vediamo alcune informazioni importanti e qualche consiglio da tenere sempre in tasca per poter camminare nei giorni del ciclo in santa pace e godere dei benefici. 

Come quello della diminuzione della ritenzione dei liquidi, oppure l’aumento della tolleranza e della resistenza al dolore, oppure il fatto che riduce i sintomi nel periodo prima del ciclo e nel mentre. Per di più, contrasta l’ansia e lo stress. Camminare con il ciclo è fondamentale per il ciclo stesso e vediamo il perché.

Camminare nei giorni del ciclo: come prepararsi?

Questa che stiamo proponendo è una risposta importantissima per una domanda altrettanto tale. Camminare con il ciclo si può, e allora come prepararsi? Sappiamo che il ciclo dura esattamente ventotto giorni (senza calcolare eventuali ritardi) e sostanzialmente in questo arco di tempo il corpo di una donna è soggetto a diversi sbalzi di umore. 

Per prepararsi a camminare con il ciclo bisogna essenzialmente concentrarsi su una sola fase e riportare delle agiate modifiche in modo da poterlo fare senza intoppi e nel modo migliore. Durante il ciclo bisogna non esagerare con i carichi e prendere un antidolorifico naturale prima di andare a correre: servirà molto. 

Bisogna poi concentrarsi nel mese nella fase pre-ciclo in cui si può alleggerire il peso dell’arrivo con tisane, thè, e cibi esclusivamente naturali. Fondamentale è sapere di poter fare trekking con il ciclo con questo infallibile metodo e anche camminare nei giorni del ciclo in modo tranquillo e senza nessun tipo di dolore.

camminare con il ciclo

Consigli e indicazioni generali

Come abbiamo visto, si può camminare con il ciclo tramite alcune accortezze e preparazioni del corpo. Per questo motivo facciamo in modo di far ricevere dei consigli migliori e delle indicazioni generali per poter effettivamente camminare con il ciclo e sempre.

Insomma, abituarsi a questo metodo e trovare il giusto equilibrio, per poter camminare con il ciclo comunque ogni volta che si vuole, anche se si avvertono dei piccoli fastidi o dolori. Importante quindi seguire questi piccoli consigli, nonché indicazioni indicate proprio per camminare nei giorni del ciclo e fare trekking con il ciclo:

  • Carichi leggerissimi (questi avvantaggeranno la camminata e non daranno fastidio al ciclo)
  • Integratori magnesio e potassio (da usare prima e durante il ciclo)
  • Portare con sé frutta e verdura (camminare con il ciclo senza frutta e verdura e come andare incontro ad una brutta giornata di soli dolori alla pancia)
  • Assorbenti comodi (utili per camminare meglio)
  • Posizioni comode (sia durante le pause per sedersi e sia durante la camminata o il trekking)

E infine bisogna monitorare il proprio ciclo, solo così si può sapere se è il caso di camminare con il ciclo senza fermarsi ogni mese.

Accortezze e attrezzatura

Alla fine, camminare con il ciclo fa anche bene, per cui, perché privarsene? Per questo abbiamo appuntato delle accortezze importanti per poter fare anche trekking con il ciclo e soprattutto elenchiamo l’attrezzatura giusta per poterlo fare nel migliore dei modi. È importante l’attrezzatura per fare trekking con il ciclo e soprattutto prendere in considerazioni delle accortezze che magari non si è mai sentito parlare. Camminare nei giorni del ciclo si può fare, e bisogna tenere presente ciò:

  • Ascoltare il proprio corpo e agire di conseguenza (il primo giorno si potrebbe diminuire la sessione della camminata)
  • Tenere le energie per la camminata e non fare ulteriori sforzi prima di uscire
  • Tenere conto del corpo e delle abitudini di allenamento (non osare con il ciclo)
  • I segnali del corpo sono importantissimi (sono loro a portarci verso il cammino che fa bene)
  • Idratarsi continuamente durante il ciclo

L’attrezzatura giusta per camminare con il ciclo e soprattutto fare trekking con il ciclo sono i bastoni da trekking durante questa attività, e uno zaino ben dotato per la camminata. Vediamo meglio scendendo nel dettaglio dello zaino, di seguito. Per riuscire ad ottenere ottimi risultati e benefici con la camminata bisogna sapere cosa poter mettere nello zaino senza sbagliare ed avere tutto l’occorrente per il ciclo.

Cosa mettere nello zaino?

Camminare con il ciclo aiuta molto al corpo delle donne a stare meglio nel futuro ciclo e anche in generale, perché è una attività che fa bene alla salute. È altrettanto urgente sapere cosa mettere nello zaino, vediamo subito. La risposta a questa domanda è semplice, sicuramente bisogna mettere tutto l’occorrente base per il ciclo in generale, e poi qualcosa in più che può servire alla camminata o al trekking. Ma cosa? Questi i punti più importanti per uno zaino leggero e utile allo stesso tempo per il ciclo. Perciò ecco l’elenco:

  • Assorbenti di ogni tipo, lunghi, corti, e preferibilmente interni, oppure la coppetta mestruale
  • Intimo di ricambio ma che sia assorbente 
  • Fazzolettini
  • Salviettine
  • Pantaloni di ricambio
  • Borraccia
  • Torcia
  • Cappello da escursione per proteggersi da un eventuale sole (che stordirebbe durante il ciclo)

Questo è l’elenco delle cose fondamentali da mettere nello zaino per una camminata durante il giorno del ciclo. Si tratta semplicemente di umili elementi che sono ottimi per le mestruazioni e anche per affrontare una camminata o un’escursione, o un’attività di trekking che sia uguale a quando non si ha il ciclo e soprattutto giovare dei benefici stessi che si ottengono dopo aver camminato con il ciclo ripetutamente e nel tempo.

Potrebbero interessarti anche:

Condividi:


Serena
Serena

"Muntagnina d.o.c." Sono circondata dalle montagne e le vivo giorno per giorno.


Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.