Sintomi e rimedi per il mal di montagna - Attrezzatura Trekking

Sintomi e rimedi per il mal di montagna

Non c’è bisogno di scalare l’Everest o il K2 per incappare nel mal di montagna. Chiunque faccia trekking, escursioni o salga semplicemente di quota rispetto al livello del mare può esserne colpito. Già a 1500 metri o a quote basse possono esserci sintomi di mal di montagna.

Esistono 3 diverse varianti di mal di montagna, le ultime due delle quali possono essere fatali:

  • Mal di montagna o Acute Mountain Sickness (AMS) è la versione più lieve e più comune.
  • L’edema cerebrale da alta quota (HACE) è quando il cervello inizia letteralmente a gonfiarsi.
  • L’edema polmonare da alta quota (HAPE) è quando i polmoni iniziano a riempirsi di liquido.

Per un approfondimento su questi argomenti, consultare un medico o seguire un corso tenuto da un istruttore certificato. Questo articolo offre una panoramica generale dei diversi mal di montagna:

  • Cause
  • Sintomi e rimedi
  • Prevenzione

Cosa causa il mal di montagna?

Quando senti i sintomi da mal di montagna, il tuo corpo sta reagendo alla mancanza di ossigeno che riesce ad inalare essendo ad altitudini più elevate di quelle a cui il tuo corpo è abituato. Ma perché l’aria ha meno ossigeno a certe altitudini?

Pressione dell’aria e livelli di ossigeno: la pressione dell’aria dipende dal peso dell’aria sopra di te, motivo per cui le altitudini più elevate hanno pressioni dell’aria più basse. Questa pressione più bassa significa che il numero di tutte le molecole che compongono l’aria, comprese le molecole di ossigeno, è ridotto.


Acclimatazione e ruolo dell’ambiente cittadino: spesso i sintomi si avvertono intorno ai 2400 metri, dove la riduzione di ossigeno inalato si fa già importante. Anche la città da cui provieni è importante in quanto il tuo corpo sarà abituato al livello di ossigeno disponibile in quella zona.

Quindi all’altitudine di 2400 metri, un residente di una città a livello del mare come Genova, potrà essere più soggetto al mal di montagna rispetto ad un abitante di qualche città o paese alpino. Inoltre, coloro che abitano in posti al livello del mare, potranno manifestare sintomi a quote anche più basse: il mal di montagna potrebbe addirittura già sentirsi intorno ai 1500 metri.

Sinotomi e rimedi al mal di montagna

Sebbene i sintomi e la loro progressione possano variare, esiste una soluzione comune ovvero quella di portare la persona ad una quota più bassa: è sicuramente il rimedio più efficace al mal di montagna. E l’unica risposta che garantisce un peggioramento della situazione è cercare di “resistere” continuando la tua salita.

SINTOMI DEL MAL DI MONTAGNA

Sia costante che pulsante, un mal di testa è un segno rivelatore che sei afflitto da mal di montagna. Potresti notare anche uno o più di questi sintomi, simili ai postumi di una sbornia:

  • Nausea
  • Fatica
  • Stanchezza e pesantore
  • Perdita di appetito
  • Difficoltà a dormire

Rimedi: la buona notizia è che il corpo può curarlo da solo. Devi concedergli abbastanza tempo per adattarti ad un’altitudine più elevata. Scendi all’ultima altitudine in cui hai dormito senza avvertire sintomi. Quindi riposati finché non ti senti meglio.

SINTOMI DI EDEMA CEREBRALE DA ALTA QUOTA (HACE)

Si presenta inizialmente come una forma da moderata a grave di mal di montagna. I primi indizi sono confusione e perdita di equilibrio. Cerca capire in anticipo questi sintomi:

  • Non si riesce a camminare su una linea retta (tallone – punta)
  • Impossibile restare in equilibrio su un piede

Rimedi: una persona affetta da sintomi di edema cerebrale da alta quota deve essere immediatamente portata ad un’altitudine inferiore. È improbabile questi sintomi si risolvano da soli, quindi dovresti contattare a l’assistenza medica non appena intuisci sintomi dell’edema cerebrale.

SINTOMI DI EDEMA POLMONARE DA ALTA QUOTA

Questo può essere o meno preceduto mal di montagna o edema cerebrale da alta quota. I suoi sintomi iniziali sono mancanza di respiro accompagnata da una tosse secca. I segni che i polmoni continuano a riempirsi di liquido includono:

  • La mancanza di respiro sempre peggiore
  • Stanchezza inattesa e incapacità di controllare se stessi
  • Tosse con residui acquosi importanti

Trattamento: per prevenire un ulteriore stress ai polmoni, bisogna trasportare la persona immediatamente a un’altitudine più bassa. Se non trattato, l’edema polmonare può causare anche la morte. Chiama un medico se i sintomi persistono.

FARMACI PER IL MAL DI MONTAGNA

I farmaci come ibuprofene, paracetamolo e aspirina aiutano tutti ad alleviare il mal di testa associato a mal di montagna o edema cerebrale. Non è raro che il mal di testa persista, comunque, anche dopo l’assunzione di questi farmaci. Inoltre, il mal di testa di solito si risolve da solo dopo la discesa o nel momento in cui ci si riadatta all’altitudine più elevata.

RIMEDI NATURALI AL MAL DI MONTAGNA

Esistono anche alcuni rimedi naturali o meglio dire, alcuni accorgimenti per evitare il mal di montagna:

  • Pianifica un trekking prevedendo una serie di soste programmate a differenti altitudini in modo che il corpo si abitui pian piano all’ascesa e alla mancanza progressiva di ossigeno
  • L’Omeopatia offre alcuni rimedi come il Coca 4CH, l’Arsenicum album 5CH e il Composé Homeos 24. Vengono utilizzati soprattutto in occasione di confusione mentale, nausea, vomito e altri disturbi collegati.
  • Puoi anche assumere vitamine del gruppo B per far funzionare in maniera adeguata il sistema nervoso oppure rimedi fitoterapici come il Ginkgo biloba che favorisce i flusso sanguigno cerebrale. La Rodiola contrasta l’ansia e aumenta la resistenza.
  • Infine potresti bere tisane di zenzero già qualche giorno prima del trekking, specialmente al mattino.

ULTERIORI RIMEDI AL MAL DI MONTAGNA

Farmaci come Diamox (acetazolamide) vanno sicuramente oltre le nostre competenze. Per saperne di più meglio consultare il proprio medico.

Anche l’allenamento può essere importante per partire con il piede giusto. Scopri in questo articolo come allenarsi per il trekking.

Condividi sui social:



Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *