Trekking in Solitaria - FAQ - AttrezzaturaTrekking.it
Scritto da Loris

Trekking in Solitaria – FAQ

Hai mai fatto un’escursione con un grande gruppo di amici, tutti continuamente a parlare, e hai pensato: “Adoro i miei amici, ma vorrei davvero avere il tempo e lo spazio per godermelo da solo questo momento!”? Allo stesso tempo, perché ci sentiamo nostro agio nel fare una passeggiata nel parco a due passi da noi da soli, ma quando si tratta di escursioni in solitaria, ci pensiamo due volte?

L’escursionismo in solitaria è una grandissima forma di rilassamento ma presenta alcune sfide uniche. E noi capiamo che potresti essere titubante. Ecco perché abbiamo messo insieme queste fantastiche FAQ per rispondere a tutte le tue domande e portarti sui sentieri da solo in pochissimo tempo!

Cosa vuol dire trekking in solitaria

DOMANDE GENERALI

1- COSA SIGNIFICA TREKKING IN SOLITARIA?

Il trekking in solitaria non è affatto diverso dall’escursionismo normale, tranne per il fatto che sei lì fuori a farlo da solo! Non importa se si tratta di una breve gita nel parco naturale locale o di un trekking di 12 giorni in mezzo alla natura. Se fai escursioni da solo, allora è un trekking in solitaria.

2- QUALI SONO LE DIFFERENZE TRA UN TREKKING NORMALE E UNO IN SOLITARIA?

L’atto fisico dell’escursionismo in solitaria non è affatto diverso da quando fai un trekking con il tuo partner o un gruppo di amici. Ti metti gli scarponcini, allacci lo zaino e così via.

La differenza sta nella mentalità e nell’approccio alla gestione del rischio. Quando fai un’escursione da solo, non hai una rete di supporto.

Non c’è nessun altro che può fornire consigli o chiedere assistenza in caso di emergenza. Fai completamente affidamento sulla tua forza mentale, esperienza e abilità pratiche per passare in sicurezza dal punto A al punto B.

Ma sai una cosa? È esattamente quella sfida che rende il trekking in solitaria così gratificante. È una tale soddisfazione sapere che ti sei messo alla prova ed è emersa una persona più forte e più resistente!

3- PERCHE’ DOVREI FARE UN TREKKING IN SOLITARIA?

Ci sono molte ragioni per cui potresti prendere in considerazione l’escursionismo in solitaria. Come ad esempio per godersi la quiete e la solitudine dei sentieri. Per alcuni, è semplicemente il piacere di sfidare sé stessi fisicamente e mentalmente.

Poi c’è chi preferisce la propria compagnia a quella degli altri – gli introversi del mondo. Sono tutte spiegazioni ugualmente valide e non c’è dubbio che ce ne siano tantissime altre!

4- QUALE META PER UN TREKKING IN SOLITARIA?

In qualunque posto! Se riesci a fare un’escursione in gruppo, puoi farla anche da solo. Certo, ci sono alcune considerazioni extra quando si fa un trekking in solitaria, ma ci sono pochissimi percorsi là fuori che non sarai in grado di superare da soli.

Salute e sicurezza per i trekking in solitaria

SALUTE E SICUREZZA

5- E’ SICURO FARE UN TREKKING IN SOLITARIA?

Assolutamente sì! Ma… ci sono alcune considerazioni extra da fare.

PARLA DEI TUOI PIANI A QUALCUNO

Purtroppo, molti feriti da escursionismo e vittime, potrebbero essere evitati se solo avessero raccontato a qualcuno dei loro piani prima di partire. Fai sapere a un amico intimo quale sentiero stai percorrendo e che se non ti hanno sentito entro una certa data o ora, dovrebbero mettersi in contatto con le autorità.

REGISTRA E COMPILA IL TUO TREKKING

Alcuni dei percorsi più lunghi avranno un modulo di registrazione che può essere compilato presso l’inizio del sentiero, al parcheggio o presso la stazione di un addetto alla supervisione locale. Questo è un ottimo modo per far conoscere i movimenti pianificati e la data di ritorno prevista.

CONTROLLA IL METEO

Quando sei da solo, non hai il vantaggio di un altro escursionista per aiutarti a montare una tenda in condizioni di temporale o per trovare il modo di scaldarti in caso di emergenza. Se conosci le previsioni del tempo, allora puoi assicurarti di mettere nello zaino l’attrezzatura giusta per superare il peggio.

CONOSCI LE TUE ABILITÀ E TE STESSO

Se la batteria del tuo cellulare si scarica, sapresti come orientarti con una carta topografica e una bussola? Potresti percorrere quel fiume in sicurezza da solo dopo forti piogge? Hai mai camminato su un sentiero in solitaria?

È fondamentale non sopravvalutare le proprie capacità e avere la certezza di essere in grado di gestire qualsiasi eventualità.

PORTA CON TE IL MINIMO INDISPENSABILE

Non puoi condividere il carico, quindi la chiave per un divertente trekking in solitaria è imballare il più leggero e il più intelligente possibile. Prendi oggetti riutilizzabili, acquista equipaggiamento realizzato con materiali leggeri e porta con te solo il minimo indispensabile per camminare in sicurezza.

AVERE UN PIANO PER IL “E SE QUALCOSA ANDASSE STORTO?”

Prima di decidere di affrontare un trekking in solitaria, fai le tue ricerche e pensa a tutto ciò che potrebbe realisticamente andare storto. La tua tenda è impermeabile?

Cosa faresti se una vipera ti mordesse? Sapresti cosa fare se ti perdessi? Pensare a questi scenari e redigere un piano di risposta è un modo efficace per assicurarsi di poter gestire l’escursione a 360 gradi.

Come prepararsi per un trekking in solitaria

6. COME DOVREI PREPARARMI PER UN TREKKING IN SOLITARIA?

Ci sono alcune abilità essenziali di cui ogni escursionista in solitaria ha bisogno per fare un trekking in sicurezza.

Saper orientarsi con una carta topografica e una bussola è fondamentale. Il tuo cellulare potrebbe scaricarsi o potresti scoprire che non ci sono segnali GPS in quella zona.

Conosci la tua attrezzatura alla perfezione e sapresti usarla in condizioni avverse? Montare la tenda a casa al buio è un modo eccellente per esercitarsi e affinare queste abilità.

Invece di affrontare una trekking da soli per la prima volta, perché non fare prima un’escursione con un amico e familiarizzare con le sfide che potrebbero presentarsi? Mentre ci sei, non pensare che la tua prima escursione in solitaria dovrebbe essere un’impresa di tre settimane. Inizia con una breve e parti da lì!

7. DEVI ESSERE GIOVANE PER FARE UN TREKKING IN SOLITARIA?

No! Chiunque abbia una mobilità ragionevole può fare escursioni da solo. La chiave non è nell’età, ma nell’esperienza e nella preparazione.

8. DEVI ESSERE SUPER SNELLO PER UN TREKKING IN SOLITARIA?

Sicuramente no. La cosa importante qui è nella scelta del percorso. Comprendere le proprie capacità fisiche e quindi scegliere un trekking al momento giusto dell’anno che non metta in difficoltà tali capacità è davvero importante.

Trekking in solitaria come prepararsi

9. COSA SUCCEDEREBBE SE TI PERDESSI?

Perdersi è una vera preoccupazione che molti di noi hanno.

Innanzitutto, non stressarti, quella sensazione è del tutto normale!

Preparati bene in modo da evitare di perderti e assicurati di avere le abilità (ad es. l’uso di una carta topografica e una bussola!) per rimetterti sulla strada giusta con un minimo sforzo.

10. LE DONNE SONO MAGGIORMENTE A RISCHIO NEL CAMMINARE IN SOLITARIA?

No. Anche se non ci sono molte statistiche disponibili sugli incidenti che colpiscono specificamente le donne, ci sono invece molti studi che mostrano come le probabilità di incorrere in incidenti mentre si fa un’escursione è migliaia di volte inferiore rispetto a quando si fa una passeggiata nella propria città.

Le donne i trekking solitari

ATTREZZATURA

11. HO BISOGNO DI ATTREZZATURA SPECIFICA PER UN TREKKING IN SOLITARIA?

Se hai l’attrezzatura giusta per fare escursioni in gruppo, allora possiedi già tutto ciò di cui hai bisogno. Tuttavia, dal punto di vista della sicurezza, è fondamentale che tutte le tue attrezzature da trekking siano state ispezionate e in buone condizioni.

Raccomandiamo come minimo che gli escursionisti in solitaria possiedano un fischietto, un kit di primo soccorso, un telefono cellulare con GPS, una mappa topografica di qualità e una bussola. Per i trekking di più giorni in una zona sconosciuta, è inoltre necessario acquistare o noleggiare una luce di sicurezza personale in modo da poter indirizzare i servizi di emergenza nella posizione esatta in caso di infortunio.

Inoltre, potresti voler pensare all’acquisto di un’unità GPS.

SCOPRI DI PIU’

Il luogo più semplice per trovare informazioni sui trekking in solitaria è su Internet. Ci sono dozzine di siti web per escursionisti e riviste di Outdoor con molti ottimi consigli per gli escursionisti in solitaria.

Ovunque troverai escursionisti, troverai anche escursionisti in solitaria! Mettiti in contatto con il tuo club alpino locale o un’associazione outdoor e scopri se sono previsti eventi o sessioni educative. Ci sono così tanti professionisti esperti là fuori e tutti hanno fantastiche esperienze del mondo reale da condividere con te!

Come prepararsi

Condividi:




Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *