Differenza trekking, escursionismo e hiking: la conosci? - AttrezzaturaTrekking.it
Scritto da Loris

Differenza trekking, escursionismo e hiking: la conosci?

Fare sport all’aria aperta più che una tendenza, è diventata una vera e propria necessità. La maggior parte delle persone è oppressa dal caos quotidiano delle città. Rinfrancarsi nella natura permette loro di ritrovare la pace interiore e quel rilassamento mentale che ricarica l’anima e li fanno tornare ad essere pronti per immergersi nuovamente nella baraonda della metropoli. Cerchiamo quindi di chiarire la differenza tra trekking, escursionismo e hiking, essendo tre attività che si possono fare all’aria aperta e che danno tantissimi benefici.

Negli ultimi tempi, infatti, lo sport all’aria aperta si è imposto con una certa velocità. Questo in gran parte è dovuto alle varie limitazioni applicate in questo tempo pandemico, dove gli sport all’aria aperta sono state le uniche attività consentite.

Questo ha fatto riscoprire il contatto con la natura o ha rafforzato chi già era un assiduo praticante. Gli sport all’aria aperta, come detto, oltre alla mente offrono benefici anche fisici, facendo sentire in forma e rassodando la massa muscolare.

Tra le attività all’aria aperta più gettonate rientra il trekking, inserito per primo nella lista, ma ci sono anche altre attività, sebbene simili, ma comunque diverse.

In effetti molti fanno confusione tra trekking ed escursionismo, reputandoli essenzialmente uguali. Ma non è proprio così.

Molte nuove terminologie sono entrate nell’uso comune per classificare questi tipi di sport, come ad esempio l’hiking. A primo impatto possono sembrare termini non bene comprensibili, ma scopriremo insieme la differenza e la bellezza che ognuno di questi sport possiede.

Differenza trekking escursionismo hiking

Trekking

La parola Trekking o più esattamente il verbo inglese to trek significa fare un viaggio lungo.

Si tratta di una camminata lenta in percorsi, spesso, di montagna. È uno sport che può essere praticato sia d’inverno che d’estate, a patto che una buona preparazione fisica preventiva lo consenta.

È un’attività molto salutare e, anche se negli ultimi tempi se ne è sentito parlare sempre più spesso, in realtà la pratica del trekking è riconducibile a tempi molto più antichi.

Infatti, quasi impensabilmente, questa attività è nata in Africa, dopo l’invasione da parte degli inglesi sul territorio che era a sua volta occupato dagli olandesi. Questi ultimi, sconfitti, furono ricacciati. Pertanto, si videro costretti ad attraversare sentieri tortuosi avventurandosi in percorsi impervi.

Questa vicenda ispirò il concepimento della terminologia trekking, e da quel momento in poi, entrò a far parte nell’uso comune identificando gradualmente questa attività che divenne un vero e proprio sport.

Uno sport praticato non più per sfuggire a nemici o per nascondersi, ma semplicemente per il puro piacere ai fini dello svago.

Ma il trekking non significa semplicemente camminare, infatti ha delle tipologie di percorsi specifici che possono convogliare in due opzioni: 

  • Itinerante
  • Residenziale

Il trekking itinerante prevede un percorso dove offre la possibilità di dormire ogni sera in un bivacco diverso.

Mentre invece il trekking residenziale, porta alla scoperta di nuovi sentieri, ma proprio come un percorso a cerchio, alla fine si rientra sempre nello stesso bivacco.

Differenza trekking escursionismo hiking

Escursionismo

A motivo della lunghezza del percorso che, appunto, prevede il trekking, non può essere confuso con l’escursionismo.

Inoltre, nel trekking sono contemplate anche attività di alpinismo e i percorsi solitamente non sono mai inferiori a centinaia di chilometri. Chi pratica il trekking deve portare con sé tutto l’occorrente necessario, con il risultato che lo zaino può diventare davvero pesante.

L’escursionismo, pur trattandosi tecnicamente di una camminata, alla stregua del trekking, ha modalità assai più soft, percorsi facilitati e con una durata di poche ore. Questo tipo di attività, consente di affaticarsi di meno, e di godere maggiormente gli stupendi paesaggi durante il cammino. Uno degli itinerari preferiti dagli escursionisti sono le alpi, maestose e di bellezza straordinaria.

Possiamo dunque dire che l’escursionismo è essenzialmente un’attività alla portata di tutti, facilmente praticabile e di una durata ragionevole. Anche per quanto riguarda l’occorrente, sono sufficienti davvero soltanto gli equipaggiamenti basici.

Per questo motivo l’escursionismo rientra tra le attività sportive all’aria aperta più fattibili, dove apporta altrettanti benefici cardiovascolari, fisici e soprattutto interiori.

Tuttavia il mondo fantastico delle camminate all’aria aperta non finisce certo qui. Abbiamo visto la differenza tra trekking ed escursionismo, ma esiste anche un’altra interessante attività, conosciuta col nome di Hiking. Cos’è, e cosa ha di differente rispetto al trekking e l’escursionismo? Scopriamolo insieme!

Differenza trekking escursionismo hiking

Hiking

La parola hiking, deriva dal verbo inglese to hike che significa camminare; come attività esperienziale somiglia molto in realtà all’escursionismo, in quanto i tempi di percorrenza sono piuttosto brevi, ma la differenza sta nel procedimento della camminata che è più “tecnica”.

Anche se la pratica, così come l’escursionismo, è poco impegnativa, tuttavia è preferibile un equipaggiamento traspirante, leggero e impermeabile, così da permetterti maggiore libertà di movimento.

Questa pratica non prevede pernottamento, ma come premesso, c’è una certa componente tecnica, in quanto non si tratta di una semplice passeggiata, ma di un’escursione con andatura più celere, e di conseguenza l’aspetto dei paesaggi o dei panorami vengono messi automaticamente in secondo piano. Questo perché chi pratica questo sport non si concentra su ciò che è intorno a sé, ma sul percorso e sull’andatura, e per questa attività spesso sono preferibili le campagne.

Differenza trekking escursionismo hiking

Conclusione

Abbiamo visto la differenza tra trekking, escursionismo e hiking, tutte attività bellissime e uniche. Potrai sceglierle in base alle tue esigenze, prestazioni fisiche e attitudine personale.

Anche se ci sono dettagli non trascurabili che fanno differire uno sport dall’altro, ma il denominatore comune è l’immersione nella natura, tra paesaggi mozzafiato, aria frizzantina e incontaminata, alla riscoperta della flora e della fauna a lungo dimenticati.

Qualsiasi sport sceglierai, sarà sempre e comunque un toccasana per mente e corpo. Ti sentirai più in forma, forte e rigenerato.

Questi sport sanno temprare chi li pratica, aiutando ad avere un concetto della vita più essenziale, ma soprattutto, permettendo di riscoprire la natura, e anche se stessi, ristabilendo un contatto perduto anche con l’universo, rivalorizzando la bellezza che si può trovare sul pianeta, discostandosi almeno per un attimo dalle città rumorose e frenetiche, attraversando le colonne portanti della natura: gli alberi e le montagne.

Riscoprendo un antico e indissolubile connubio, nella semplicità e nella profondità, nella bellezza e nel silenzio melodioso, turbato solo dalle melodie piacevoli del vento e del fruscio delle foglie.

Raccontaci anche le tue esperienze qui sotto nei commenti o nel nostro Gruppo su Facebook!

Potrebbero interessarti anche:

Condividi:


Loris

Appassionato da sempre di montagna, sono co-fondatore di Attrezzatura Trekking.
loast.lorisastesano.itinstagram.com/lo.a.stfacebook.com/loastPh


Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *