Piantiamo un albero con Treedom - AttrezzaturaTrekking.it
Scritto da Stefano

Piantiamo un albero con Treedom

Come vi avevo già anticipato nell’articolo di SEVA Project, vi porto a conoscere un’altra bella realtà italiana che conosco da tempo e che sostengo con grande piacere. Si chiama Treedom (e spero che qualcuno di voi la conosca già) ed è l’unica piattaforma al mondo che permette di piantare un albero a distanza e seguirlo online.

treedom

Come funziona?

Lo scopo principale di Treedom è quello di sostenere i contadini delle comunità rurali del sud del mondo. Attraverso l’acquisto di un albero si ha la possibilità di finanziare e fornire supporto tecnico per la piantumazione e la sostenibilità del lavoro dei primi anni di vita dell’albero, quando ancora non è in grado di fornire i frutti. La scelta degli alberi viene fatta insieme ai contadini. Infatti, essi vengono anche formati riguardo alla coltivazione e al mantenimento degli alberi che diventano parte integrante o parziale del loro reddito.

Solitamente l’attività si focalizza su piccoli progetti agroforestali nei quali le specie che vengono piantate sono native o comunque rispettano la biodiversità del territorio. Questo ovviamente va a beneficio dell’interazione tra le varie specie presenti e consente un uso sostenibile del terreno e delle sue risorse. Inoltre ogni albero assorbe CO2 e questo è un vantaggio per l’intero pianeta.

Piantare un albero significa quindi aiutare contadini in difficoltà, contrastare erosione e desertificazione, tutelare le biodiversità, riforestare e assorbire CO2.

treedom

Come piantare un albero

Diventare propietari di una piccola pianta di caffè, mango, baobab, limone o di qualsiasi altra specie presente su Treedom è molto semplice e divertente. Una volta scelta quella che vi piace di più vi basterà effettuare l’acquisto e diventerete subito “proprietari” del vostro primo albero!

Dal momento dell’acquisto avrete la possibilità di seguire tutto il ciclo di vita della vostra pianta, il luogo dove viene piantata tramite geolocalizzazione, avere notizie riguardo al progetto di cui fa parte e di tanto in tanto ne riceverete anche le foto. E il bello è che potete decidere di custodirla o di regalarla (virtualmente) a chi desiderate, magari per festeggiare un’occasione speciale!

Nel prezzo dell’albero è compreso:

  • costruzione del vivaio e produzione delle piantine
  • distribuzione ai contadini
  • messa a dimora della pianta
  • manutenzione fino a quando non darà reddito
  • formazione dei contadini sulle pratiche agro-forestali, in collaborazione con università ed enti locali
  • sostituzione delle fallanze per i primi anni in cui il tasso di mortalità è più elevato
  • piantumazione di un 5% in più di alberi che non vengono assegnati agli utenti per coprire le fallanze
  • registrazione coordinate GPS e monitoraggio fotografico
  • controlli annuali sulle aree di progetto per verificare la salute degli alberi
  • approvazione della foto e controllo delle coordinate di ogni singolo albero da parte di acronimi specializzati
  • assegnazione all’albero di un ID univoco e inserimento dell’albero nel registro pubblico
  • aggiornamenti periodici sul progetto, con focus su benefici ambientali e sociali, pubblicati nel diario dell’albero
treedom

Quale albero scegliere

Uno degli aspetti più divertenti è che si possono scegliere diverse tipologie di albero o diverse tipologie di acquisto. Mi spiego meglio…

A disposizione ci sono davvero tante varietà di pianta tra cui scegliere e che possiamo acquistare singolarmente. Ma Treedom mette anche a disposizione abbonamenti, nei quali possiamo scegliere quanti alberi piantare al mese. Inoltre, pacchetti già formati di più alberi, edizioni speciali (come quelle dedicate ai segni zodiacali o quelle ad esempio dedicate al Natale). C’è solo l’imbarazzo della scelta, vedere per credere.

Qualche numero

Treedom dalla sua fondazione nel 2010 è riuscita a piantare più di 1 milione di alberi (nel momento in cui sto scrivendo questo articolo sono arrivati a 1.200.000 circa) tra America Latina, Africa, Asia e Italia. Hanno aiutato più di 70.000 contadini e la raccolta di CO2 è arrivata a circa 356.000.000 di kg.

Questo a dimostrazione del fatto che se ognuno di noi da anche un piccolo contributo si può arrivare a grandi risultati!

Il team di Treedom

Ma chi c’è dietro a Treedom? Nel 2010 Federico Garcea e Tommaso Speroni si conoscono a Firenze mentre lavorano nella stessa azienda che si occupa di ambiente. Nel tempo libero si divertono anche a giocare insieme a Farmville (il gioco online dove ci si simula contadini), e proprio da li nasce l’ispirazione. Ma se le persone spendono soldi veri per acquistare alberi virtuali, perché non creare una piattaforma dove si possono acquistare alberi reali e magari aiutare il pianeta?

Ad oggi Treedom è diventata una start-up innovativa che grazie a un’idea semplice e illuminata è riuscita a crescere e ricevere diversi round di finanziamenti per potersi sviluppare, e che ha dato luce a tanti progetti in diverse aree del pianeta.

Lo staff è ad oggi composto da più di trenta persone che lavorano tra le sedi di Firenze e Monaco, ma il team è in continua espansione per fronte alla crescente mole di lavoro.

Per maggiori informazioni vi consiglio di andare a visitare il sito www.treedom.net (che fra l’altro è tra divertente da consultare) o le pagine social Instagram, Facebook, LinkedIn e YouTube.

Avete già deciso quale albero piantare? ??

treedom

P.S.: questo articolo non è in nessun modo sponsorizzato da Treedom s.r.l.

Segui Stefano Marchi sul suo Canale YouTube per tantissimi consigli sul Trekking, attrezzatura e Outdoor!

Condividi:




Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *