Dormire in tenda in inverno: consigli e indicazioni - AttrezzaturaTrekking.it
I Am Montanaro
Scritto da Loris

Dormire in tenda in inverno: consigli e indicazioni

L‘inverno sta arrivando, dicevano nella serie del Trono di Spade. Un oscuro presagio. In realtà, non è una prospettiva così negativa per chi ama dormire in tenda. Ora che siamo in autunno, tante persone non vedono l’ora che arrivi il freddo e le temperature basse. Infatti, sono sempre più frequenti campeggi ed escursioni organizzate o private, che coinvolgono giovani e meno giovani. Il fascino della natura, lo stare in compagnia, sparire dalla città, sono le motivazioni più comuni per la scelta di dormire in tenda d’inverno. In tanti sono incuriositi dall’argomento ma hanno poche informazioni a riguardo e rinunciano.

Con questa guida vogliamo darvi tutti i consigli ed indicazioni per godersi al meglio questa esperienza, che fa anche bene alla salute. Cominciamo!

Dormire in tenda in inverno: è possibile?

La risposta è sì, con le dovute misure ed indicazioni del caso, che provvederemo a darvi in questa guida. Certo, non è qualcosa per tutti ma se avete un minimo di intraprendenza e voglia di stare nella natura, un po’ di freddo non può spaventarvi! 

Non solo si può dormire in tenda in inverno ma molti studi scientifici lo consigliano. Non lo sapevi? Uno studio dell’Harvard Medical School, ha messo in luce alcuni benefici, come una miglior qualità del sonno. Una maggiore produzione di melatonina, grazie all’ambiente fresco. 

Inoltre, le temperature fredde aiutano il metabolismo, riducono il rischio di malattie e migliorano l’umore. Secondo altre ricerche, basta un solo weekend per resettare l’orologio biologico andare a dormire prima e riposare meglio. 

Va detto che dormire in tenda non è qualcosa da fare per troppo tempo. C’è chi la considera una sfida contro se stesso e chi proprio, anche tra gli escursionisti più esperti, non la vede con favore. Continua a leggere e scoprirai consigli pratici per le tue nottate outdoor!

Consigli e indicazioni per dormire in tenda d’inverno

Per dormire in tenda d’inverno, è utile far tesoro di alcuni consigli e indicazioni pratiche per evitare situazioni spiacevoli. Partiamo da un aspetto che può sembrare banale, la tenda. Preferite una tipologia di piccole dimensioni con doppia parete. 

Come materiale troverete il sintetico o il cotone. Una tenda sintetica è più traspirante ma costa di più e non è molto impermeabile, a differenza di quella in cotone.

In secondo luogo, attrezzatevi di picchetti adeguati. Ne esistono modelli appositi per la neve da inclinare a 45 gradi o a T. In questo caso, la neve appiattita intorno vi servirà per fissare i picchetti. 

Da sottolineare la rilevanza del luogo dove pianterete la tenda. Cercate uno spazio lontano dal vento oppure costruite un riparo per prevenire la sua forza. Il posto scelto sarà lontano da crepacci o gole pericolose e ovviamente da alberi coperti di neve. Inoltre dovrete rivolgere l’entrata sottovento e ad est. Così il sole colorerà i vostri risvegli mattutini.

Premuratevi di tenere ben coperti bagagli e attrezzature varie, vi conviene posizionarli nella parte opposta all’entrata, chiamata abside. Non correte il rischio di farli bagnare o rovinare. 

Attrezzatura e optional utili

Oltre alla tenda, che consigliamo a 2 posti o 3 posti, ci sono altri accessori e attrezzature da portare assolutamente.

L’abbigliamento va ponderato con cura. Sul mercato troverete le classiche magliette tecniche invernali che vi terranno al caldo. Oltre a tenervi asciutti nel momento del bisogno. Il tessuto in pile va benissimo e va considerato anche un berretto dello stesso materiale. Per gli spostamenti e durante la notte. 

Per riscaldarvi e cucinare, ad esempio, l’oggetto che fa al caso vostro è il fornelletto a gas. Specialmente se vi trovate in alta montagna e l’uso della legna risulta proibitivo. Come tipo di gas, va preferito il propano, considerato più resistente a temperature basse. Nel vostro zaino potete tenere un fornello di riserva, non si sa mai. 

Per dormire, molti esperti consigliano il sacco a pelo a mummia, da scegliere in base alle vostre dimensioni. Ne esistono tipologie con piumino, più costoso ma leggero, o con imbottitura, più pesante. Il sacco deve avere una temperatura inferiore a quella che si dovrà sostenere in loco, almeno 12 gradi in meno. 

Come optional interessanti, abbiamo una coperta pesante. Il lucchetto per le chiusure a cerniera, per la vostra sicurezza. Se avete tanti bagagli, potreste portarvi delle piccole mensole per poggiare libri o altri oggetti. Infine l’iconica slitta da neve che fa tanto Natale e piace molto ai bambini. 

Ricorda di utilizzare due materassini in funzione isolamento e ammortizzazione. Uno sarà di schiuma a cellule chiuse, da posizionare vicino al terreno. L’altro autogonfiabile e sulla parte superiore della tenda. 

In condizioni di neve, avrai a disposizione ciaspole, sci e snowboard da indossare. Le ciaspole sono indicate per chi non scia o fa snowboarder.

Tecniche di montaggio e riparo dal freddo

Per montare la tenda, segui queste semplici indicazioni e vedrai che andrai benissimo.

Prima di tutto, stendi a terra una tela cerata che dovresti avere all’interno del packaging della tenda stessa. Questa tela è importante per proteggerti dall’umidità, poiché si frappone tra il terreno e e il fondo della tenda. Piega la tela in base alla forma della tenda e con i bordi più lunghi da infilare sotto.

Ora puoi munirti degli attrezzi del mestiere: bacchette e picchetti. Stendi la tenda sulla tela dal lato inferiore, orientando porta e finestre a tua discrezione.

Prendi le bacchette e collegale alla tenda, se non sono già elasticizzate. Di solito sono a forma di X e servono a formare la stuttura di base; per infilarle nella tenda fai passare la loro estremità in un occhiello per ciascun angolo. Nella parte superiore della tenda ci sono piccole asole dalle quali farai scorrere la bacchetta. In alternativa puoi attaccare alla bacchetta fermagli di plastica in cima. 

E’ arrivata l’ora di sollevare la tenda, meglio se siete in più d’uno a farlo. La struttura dovrà essere quadrata e le bacchette ben salde. Usa i picchetti in metallo con l’accortezza di non farli piegare. Spingili nel terreno dopo averli fatti passare per le asole ai quattro angoli. 

Per la stagione invernale, avrai bisogno di una tenda esterna, per proteggerti dalle intemperie.

Potrebbero interessarti anche:

Condividi:


Loris
Loris

Appassionato da sempre di montagna, sono co-fondatore di Attrezzatura Trekking.
loast.lorisastesano.itinstagram.com/lo.a.stfacebook.com/loastPh


Leggi anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.